EPISODES:
Santuario Capra libera tutti Gravidanza vegan è possibile! Lav: serata vegan e campagna Pasqua 2019 Red Canzian “cosa abbiamo fatto mai” La cucina vegan conquista la Romagna Ricette Vegan con il nuovo blog di Chiara Canzian “Radici” World Vegan Day 2017 Roma giornata mondiale antispecista “Emozioni” backstage shooting fotografico “La mia vita per gli animali” Lo sguardo oltre Il rifugio di Bea Pasta ai legumi “Dalla Costa” Raccolta fondi per Bea e Silvano Allevamento degli orrori Cane salvato dalla superstrada Giornata internazionale dell’Acqua In vino vegan Max Mara e le stragi di animali Chocolate contest: Emanuele Di Biase in giuria Piggasus e il pianeta Vegamo Operazione spiagge pulite Comitato Scientifico Associazione Vegani italiani Onlus: linee guida Ristorante toglie gli astici dal menù Pet Levrieri Uniti per aiutare il Rifugio Italia Inchiesta LAV “cuccioli di suino” VEGANOK Academy “missione ristoranti” La Vegan Chef Laura Fiandra compie 70 anni Vegano per un mese Oasi Verde Mearas Santuario Animale VEGANOK Network smaschera le “radio furbette” Emanuele Di Biase ai “Dolci d’Italia” Tullio Solenghi: non amo le ipocrisie, gli animali sono tutti uguali Omocidio dell’Orsa KJ2 finalmente giustizia intervista a Piera Rosati Buone Feste da VEGANOK Network! Noi siamo il Team VEGANOK Come rinforzare le nostre difese immunitarie Le battaglie legali per difendere gli orsi JJ4-Gaia e M49 ecco le novità Emanuele Di Biase presidente della CONF.I.P.E.GEL Food Evolution vince al TuttoFood

Rapporto “Osservatorio VEGANOK” dati sui vini vegan certificati Esisteva una lacuna nell’analisi italiana dei consumi di vini vegani certificati ed è stata colmata grazie alla interessante analisi elaborata dall’Osservatorio VEGANOK: “Rapporto In Vino Vegan 2017”. In assenza di regolamentazione europea e nazionale inerente a sistemi di certificazione appropriata per il vino vegano (ovvero privo di stabilizzanti e chiarificatori di origine animale), i vinicoltori fanno necessariamente riferimento a disciplinari di aziende terze o a disciplinari di autocontrollo. Il marchio di autocertificazione più accreditato tra questi è VEGANOK, che grazie ai suoi severi disciplinari risulta il più affidabile in assoluto, anche perché riconosciuto e approvato da Associazione Vegani Italiani. Nel disciplinare VEGANOK è inserita una nota specifica riferita al vino che prevede per gli alcolici il divieto d’uso di prodotti di origine animale per la chiarificazione e stabilizzazione (come ad esempio albumina, caseina, colla di pesce, gelatine animali ecc.), mentre per l’etichettatura e il confezionamento non è consentito l’uso di colle, inchiostri, lubrificanti o qualsiasi altro prodotto di origine animale. Inoltre, i consigli per l’abbinamento del vino non devono contenere indicazioni che fanno riferimento a cibi di origine animale. La viticultura vegan rappresenta oggi un comparto giovane e con grandi potenzialità di espansione. Lo dimostra il fatto che il numero di aziende che hanno sentito la necessità di avere una certificazione è notevolmente aumentato rispetto all’anno precedente. Le cifre parlano chiaro: nel 2016 le richieste di certificazione VEGANOK da parte di aziende vitivinicole sono aumentate del 35%, così come sono aumentate le richieste di certificazione. Le aziende vitivinicole certificate VEGANOK si localizzano nelle seguenti aree geografiche: Toscana 28%, Abruzzo 20% e Piemonte 17%, con una buona presenza di vini del Trentino e della Sicilia, mentre si nota che le denominazioni di appartenenza delle etichette certificate VEGANOK sono 54% IGT, 17% DOC/DOP e 1% DOCG. Per finire, scopriamo che il 45% circa delle etichette che riportano la scritta vegan posseggono un’altra certificazione o un riferimento a metodi naturali o biodinamici. Lo standard più diffuso è sicuramente quello biologico, con il 26% circa delle etichette di vino vegan certificato anche bio; le etichette certificate Demeter ricoprono un’altra interessante quota così come quelle che riportano la dicitura “naturale” o “biodinamico”. Dati Osservatorio VEGANOK 2017, fonte: www.promiseland.it

You might be interested in