EPISODES:
1 VEGANOK Tg News 2015 2 VEGANOK TG News 2015 3 VEGANOK TG News 2015 4 VEGANOK TG News 2015 5 VEGANOK TG News 6 VEGANOK TG News 2015 7 VEGANOK TG News 2015 8 VEGANOK TG News 2015 9 VEGANOK TG News 2015 10 VEGANOK TG News 2015 11 VEGANOK TG News 12 VEGANOK TG News 13 VEGANOK TG News 14 VEGANOK TG News 2015 15 VEGANOK TG News 2015 16 VEGANOK TG News 2015 17 VEGANOK TG News 2015 18 VEGANOK TG News 2015 19 VEGANOK TG News 2015 20 VEGANOK TG News 2015 21 VEGANOK TG News 2015 22 VEGANOK TG News 2015 23 VEGANOK TG News 2015 24 VEGANOK TG News 2015 25 VEGANOK TG News 2015 26 VEGANOK TG News 2016 27 VEGANOK TG News 28 VEGANOK TG News 2016 29 VEGANOK TG News 2016 30 VEGANOK TG News 2016 31 VEGANOK TG News 2016 32 VEGANOK TG News 2016 33 VEGANOK TG News 2016 34 VEGANOK TG News 2016 35 VEGANOK TG News 2016 36 VEGANOK TG News 2016 37 VEGANOK TG News 2016 38 VEGANOK TG News 39 VEGANOK TG News 40 VEGANOK TG News 2016 VEGANOK TG News: prima festa vegan in Umbria VEGANOK TG News: Red e Chiara Canzian: Sano Vegano Italiano VEGANOK TG News: Da macelleria a salumeria artigianale vegan VEGANOK TG News: Parroco tenta di strappare lo striscione dedicato al massacro degli agnelli VEGANOK TG News 41°Edizione VEGANOK TG News 42° Edizione VEGANOK TG News 43°Edizione VEGANOK TG News 44°edizione VEGANOK TG News 45° Edizione VEGANOK TG News 47° edizione VEGANOK TG News 48° Edizione VEGANOK TG News 49° edizione VEGANOK TG News 50° Edizione VEGANOK TG News 51° edizione VEGANOK TG News 52° edizione VEGANOK TG News 53°edizione VEGANOK TG News 54° edizione VEGANOK TG News 55° edizione VEGANOK TG News 56° Edizione VEGANOK TG News 57° edizione VEGANOK TG News 58° edizione VEGANOK TG News 59° Edizione VEGANOK TG News 60°edizione VEGANOK TG News 61° edizione VEGAOK TG News 62° Edizione VEGANOK TG News 63° edizione VEGANOK TG News 64° edizione VEGANOK TG News 65° edizione VEGANOK TG News 66° Edizione VEGANOK TG News 67° edizione VEGANOK TG News 68° edizione VEGANOK TG News 69°edizione VEGANOK TG News 70° edizione VEGANOK TG News 71°edizione VEGANOK TG News 72° edizione VEGANOK TG News 73°edizione VEGANOK TG News 74° edizione VEGANOK TG News 75° edizione VEGANOK TG News 76° edizione VEGANOK TG News 77° edizione VEGANOK TG News 78°edizione VEGANOK TG News 79° edizione VEGANOK TG News 80° edizione VEGANOK TG News 81°edizione VEGANOK TG News 82° edizione VEGANOK TG News 83° edizione VEGANOK TG News sul digitale terrestre VEGANOK TG News 84° edizione VEGANOK TG News 85° edizione VEGANOK TG News 86°edizione VEGANOK TG News 87°edizione VEGANOK TG News 88° edizione VEGANOK TG News 89°edizione VEGANOK TG News 90°edizione VEGANOK TG News 91°edizione VEGANOK TG News 92°edizione VEGANOK TG News 93°edizione VEGANOK TG News 94° edizione VEGANOK TG News 95°edizione VEGANOK TG News 96° edizione VEGANOK TG News 97°edizione VEGANOK TG News 98 edizione VEGANOK TG News 99° edizione VEGANOK TG News 100à Edizione VEGANOK TG News 101° Edizione VEGANOK TG news 102°edizione VEGANOK TG News 103° edizione VEGANOK TG News 104°edizione VEGANOK TG News 105°edizione VEGANOK TG news 106 edizione VEGANOK TG News 107°edizione VEGANOK TG News 108°edizione VEGANOK TG News 109°edizione VEGANOK TG News 110°edizione VEGANOK TG News 111°edizione

La ristorazione è uno dei comparti produttivi più importanti per il nostro paese, ma è anche uno dei più colpiti dalla pandemia insieme a quello turistico. con il Manifesto Orizzontale dell’Ospitalità e della Tavola, FIPE e FIC illustrano le modalità di ripresa per il settore dopo il lockdown.  linee guida, suggerimenti e indicazioni alla ristorazione italiana che punta ad esaltare il prodotto italiano e alla tradizione. Anche se non si fa cenno all’alimentazione vegetale come una delle possibili chiavi per la ripartenza della ristorazione, Osservatorioveganok punta i riflettori proprio su questo aspetto L’alimentazione vegetale, infatti, rientra a pieno titolo in tutti i valori citati nel documento, moltissimi piatti della nostra tradizione culinaria sono a base vegetale e l’impiego di prodotti della filiera produttiva italiana, una delle migliori al mondo, non potrebbe dunque che portare beneficio alla nostra economia, all’ambiente e  ovviamente alla salute e benessere.

La puntata di “Indovina chi viene a cena” andata in onda domenica 19 aprile su Rai 3 punta i riflettori su un problema ambientale senza precedenti: ogni anno si producono 400 milioni di tonnellate di plastica, delle quali 8 milioni vengono disperse negli oceani. A farne le spese sono gli animali marini, ma anche l’uomo: chi mangia pesce mangia anche plastica, la plastica è nell’acqua che beviamo e nell’aria che respiriamo, tanto che ogni anno una persona ingerisce oltre 100 mila microplastiche, ovvero l’equivalente di una carta di credito a settimana. Indubbiamente possiamo fare la nostra parte, magari facendo i conti in famiglia, forse un depuratore ci costerebbe meno rispetto alle scomode e pesanti casse di  bottiglie di acqua minerale in plastica, scegliere di acquistare materiali biodegradabili anche se un po’ meno convenienti di quelli in  plastica, insomma cercare il più possibile di aiutare noi gli animali e il nostro pianeta.

Consumare pesce oggi rispetto a 40anni fa, può essere più pericoloso per la salute: a rivelarlo è uno studio recente pubblicato sul settimanale di divulgazione scientifica New Scientist, secondo il quale i pesci oggi sono infettati  283 volte in più di parassiti rispetto agli anni ’80. La ricerca è stata condotta presso l’Università di Washington, a Seattle, da un gruppo di studiosi che hanno analizzato la presenza del parassita Anisakis in 56778 pesci appartenenti a 215 specie diverse, negli anni tra il 1978 e il 2015. I risultati parlano chiaro: in circa 40 anni, la presenza di questa tipologia di parassiti è aumentata di 283 volte. Il consumo di pesce da parte dell’uomo è potenzialmente la causa di una molteplicità di patologie in grado di essere trasmesse dagli animali alla specie umana. La tipologia di patogeni che possono essere trasmessi dagli animali all’uomo include batteri, parassiti e virus.

Ogni anno nel mondo si producono oltre 20 miliardi di paia di scarpe, con un impatto ambientale assolutamente non trascurabile le calzature sono prodotti complessi che richiedono l’impiego di molti materiali e processi di produzione diversi,  la realizzazione di un classico paio di scarpe da ginnastica immette nell’atmosfera circa 136 kg di anidride carbonica, mentre altre tipologie di calzature, in media, immettono nell’ambiente 30 kg di anidride carbonica. Numerose aziende hanno scelto di affiancare alla produzione “tradizionale” quella di calzature eco-sostenibili, con un riassetto della produzione in ottica “green”; altre puntano totalmente sul mercato delle scarpe vegan sostenibili, in costante espansione.

 

In questo video

You might be interested in