EPISODES:
1 VEGANOK Tg News 2015 2 VEGANOK TG News 2015 3 VEGANOK TG News 2015 4 VEGANOK TG News 2015 5 VEGANOK TG News 6 VEGANOK TG News 2015 7 VEGANOK TG News 2015 8 VEGANOK TG News 2015 9 VEGANOK TG News 2015 10 VEGANOK TG News 2015 11 VEGANOK TG News 12 VEGANOK TG News 13 VEGANOK TG News 14 VEGANOK TG News 2015 15 VEGANOK TG News 2015 16 VEGANOK TG News 2015 17 VEGANOK TG News 2015 18 VEGANOK TG News 2015 19 VEGANOK TG News 2015 20 VEGANOK TG News 2015 21 VEGANOK TG News 2015 22 VEGANOK TG News 2015 23 VEGANOK TG News 2015 24 VEGANOK TG News 2015 25 VEGANOK TG News 2015 26 VEGANOK TG News 2016 27 VEGANOK TG News 28 VEGANOK TG News 2016 29 VEGANOK TG News 2016 30 VEGANOK TG News 2016 31 VEGANOK TG News 2016 32 VEGANOK TG News 2016 33 VEGANOK TG News 2016 34 VEGANOK TG News 2016 35 VEGANOK TG News 2016 36 VEGANOK TG News 2016 37 VEGANOK TG News 2016 38 VEGANOK TG News 39 VEGANOK TG News 40 VEGANOK TG News 2016 VEGANOK TG News: prima festa vegan in Umbria VEGANOK TG News: Red e Chiara Canzian: Sano Vegano Italiano VEGANOK TG News: Da macelleria a salumeria artigianale vegan VEGANOK TG News: Parroco tenta di strappare lo striscione dedicato al massacro degli agnelli VEGANOK TG News 41°Edizione VEGANOK TG News 42° Edizione VEGANOK TG News 43°Edizione VEGANOK TG News 44°edizione VEGANOK TG News 45° Edizione VEGANOK TG News 47° edizione VEGANOK TG News 48° Edizione VEGANOK TG News 49° edizione VEGANOK TG News 50° Edizione VEGANOK TG News 51° edizione VEGANOK TG News 52° edizione VEGANOK TG News 53°edizione VEGANOK TG News 54° edizione VEGANOK TG News 55° edizione VEGANOK TG News 56° Edizione VEGANOK TG News 57° edizione VEGANOK TG News 58° edizione VEGANOK TG News 59° Edizione VEGANOK TG News 60°edizione VEGANOK TG News 61° edizione VEGAOK TG News 62° Edizione VEGANOK TG News 63° edizione VEGANOK TG News 64° edizione VEGANOK TG News 65° edizione VEGANOK TG News 66° Edizione VEGANOK TG News 67° edizione VEGANOK TG News 68° edizione VEGANOK TG News 69°edizione VEGANOK TG News 70° edizione VEGANOK TG News 71°edizione VEGANOK TG News 72° edizione VEGANOK TG News 73°edizione VEGANOK TG News 74° edizione VEGANOK TG News 75° edizione VEGANOK TG News 76° edizione VEGANOK TG News 77° edizione VEGANOK TG News 78°edizione VEGANOK TG News 79° edizione VEGANOK TG News 80° edizione VEGANOK TG News 81°edizione VEGANOK TG News 82° edizione VEGANOK TG News 83° edizione VEGANOK TG News sul digitale terrestre VEGANOK TG News 84° edizione VEGANOK TG News 85° edizione VEGANOK TG News 86°edizione VEGANOK TG News 87°edizione VEGANOK TG News 88° edizione VEGANOK TG News 89°edizione VEGANOK TG News 90°edizione VEGANOK TG News 91°edizione VEGANOK TG News 92°edizione VEGANOK TG News 93°edizione VEGANOK TG News 94° edizione VEGANOK TG News 95°edizione VEGANOK TG News 96° edizione VEGANOK TG News 97°edizione VEGANOK TG News 98 edizione VEGANOK TG News 99° edizione VEGANOK TG News 100à Edizione VEGANOK TG News 101° Edizione VEGANOK TG news 102°edizione VEGANOK TG News 103° edizione VEGANOK TG News 104°edizione VEGANOK TG News 105°edizione VEGANOK TG news 106 edizione VEGANOK TG News 107°edizione VEGANOK TG News 108°edizione VEGANOK TG News 109°edizione VEGANOK TG News 110°edizione VEGANOK TG News 111°edizione

Le nuove Linee Guida del Ministero della Salute segnano un evidente passo indietro rispetto alle direttive precedenti sul tema dell’alimentazione vegetale a differenza di quanto sostenuto nelle indicazioni del 2010 – e poi ribadito nelle Linee Guida del 2016, che davano il via libera del Ministero all’alimentazione vegetariana e vegana. Una posizione, quella ministeriale, che non può certamente definirsi aggiornata, nelle nuove linee guida elaborate dal CREA infatti, compaiono non poche citazioni dirette e indirette alla dieta vegana “Più frutta e verdura”, “più cerali integrali e legumi” e “sostenibilità” il professor Leonardo Pinelli Professore associato dell’Università di Verona Diabetologo, Esperto in nutrizione e nutrizione fisiologica a base vegetale, sottolinea che quella proposta dalle nuove Linee Guida è una  “Moderna Dieta Mediterranea” che suggerisce consumi di cibi scorretti come carni rosse e bianche, latte e latticini più volte alla settimana, “al contrario dell’originale dieta mediterranea – che prevedeva alimenti animali solo come condimento ai primi piatti della domenica.

Continuiamo a parlare di evidenze scientifiche legate in questo caso ai diritti animali, perché Il Consiglio di Stato ha disposto la sospensione provvisoria della sperimentazione in corso su sei macachi nell’ambito di un progetto delle Università di Torino e Parma sui deficit visivi umani. “E’ l’Ente che sperimenta a dover provare che non esistono alternative a una sperimentazione invasiva sugli animali. Questa la motivazione del consiglio di stato. A favore dei macachi erano stati organizzati cortei e petizioni da parte di LAV delle associazioni animaliste. La Lav chiede ora al ministero della salute “di revocare l’autorizzazione a questo esperimento che, evidentemente, i funzionari della sua Direzione generale hanno fornito senza le dovute motivazioni, come affermato dal Consiglio di Stato” e “di portare in salvo i macachi che sono stati catturati in natura, trasportati dalla Cina e ingabbiati per un test peraltro già effettuato in altri Paesi, e che non ha dato alcun risultato utile ai malati.

Parliamo ora del mercato biologico in Italia che sembra davvero inarrestabile: specialmente nella grande distribuzione, i prodotti alimentari e cosmetici bio sono in continua ascesa, tanto che dal 2009 al 2018 il mercato interno è passato da 1,6 a 4,1 miliardi di euro (+164%), mentre nell’ultimo anno la crescita è stata del 15,1%. Dal 2018 è la grande distribuzione a trainare le vendite del bio con il 47% Un’ascesainiziata negli ultimi tre anni con  incrementi a due cifre: +28% nel 2016, +43% nel 2017 e +21% nel 2018.

È in calo il consumo di carne tra la popolazione giapponese, ma solo il 20% dei consumatori che optano per una alimentazione prevalentemente plant based consuma regolarmente sostituti vegetali della carne; la maggioranza, invece, preferisce portare in tavola i prodotti vegetali tal quali, piuttosto che “alternative” che ricordano carne e derivati. Secondo la ricerca, i maggiori driver di cambiamento sono la sostenibilità ambientale e la preoccupazione per la propria salute, e la questione etica.

In questo video

You might be interested in